lunedì 21 novembre 2011

BAMBINI A BERLINO

QUESTO POST L´HO SCRITTO IL 21 novembre del 2011.
Lo RI-POSTO in RISPOSTA ad un trafiletto su di me uscito in Italia.

Non sono io la persona che hanno raccontato, e non é Berlino quella descritta, ma solo quello che i MEDIA  ITALIANI vogliono raccontare, perché hanno bisogno di notizie speciali, di creare personaggi e luoghi in risposta alle loro necessità.

Diffidate di quello che scrivono. Prima di lasciare il nostro paese informatevi. con chi nei posti ci vive.

****************************************************************************************************

21 novembre 2011

Voglio provare a mettermi nei panni di mia figlia. Domani compie 4 anni e giusto due anni fa prendavamo l'aereo per trasferirci a Berlino.
I bambini vengono il più delle volte coinvolti nelle decisioni degli adulti, il più delle volte inconsapevolmente ma per sempre segnati dalle scelte fatte per loro.


Siamo partite una mattina d'autunno romano...era l'alba ed io ero convinta di fare il meglio per lei.
Ci aspettava il padre a berlino, già stabilito da un anno, in fremente attesa.


Il giorno dopo il nostro arrivo abbiamo festeggiato il suo compleanno, due anni, a casa di amici, insieme ad un amichetto. La nostra vita a Berlino è iniziata così, senza grossi programmi, ma con grandi aspettative.


Ho deciso di portarla qui perchè ho voluto volontariamente portarla via dall'Italia, paese dove le donne contano poco se sono intelligenti e se vogliono essere diverse dal quello che il mercato della "carne" richiede.
Ho deciso di portarla via, perchè non volevo che venisse più bombardata da un modello di donna fatto solo di tette, labbra, culi e taglie ultra magre.
Ho deciso di portarla via dall'Italia perchè credo che in questo paese, anche fatto di tanti difetti, ci sia però una libertà non dimenticata, quella di poter essere se stessi.
Ho deciso di portala via dall'Italia e di venire a Berlino perchè qui i bambini hanno il diritto di essere bambini, e gli adulti li rispettano.


Questo blog lo dedico a lei e a tutti i bambini italiani e non solo, che sono stati coinvolti dai loro genitori adulti in questa avventura (ognuno per un motivo diverso)...


Che sia un posto per raccontare, segnalare e proporre cose per loro e per noi!
Buon divertimento

12 commenti:

  1. Blog molto interessante, temo che ti tartasseremo di contro-post nei prossimi mesi.

    In sintesi :
    siamo una coppia italiana con figlia di 18 mesi in procinto di salirsene a Berlino nel giro di 10 mesi.

    Cosa si guadagna a salire è abbastanza evidente (basta aprire un qualsiasi quotidiano italiano). Si parla meno di cosa si perde a salire e come si elabora il lutto della perdita .

    1 - clima (il buio alle 16.00...)
    2 - il cibo (addio verdure...)
    3 - lo humour tedesco (una contraddizione di termini).

    Te come sopravivi a tutto ciò?

    Ugo

    RispondiElimina
  2. @ Hugs ma di base è dura ma comunque vale la pena...e comunque perdi quello che pensi di perdere, ma se non ci pensi non perdi nulla.

    Detto questo vi consiglio vivamente di imparare il tedesco prima di venire qui se non lo sapete, è fondamentale, e di spogliarvi un po' di tante aspettative. Meglio venire con una idea di vita semplice perchè questo è quello che propone berlino. Se venite poi solo con l'illusione di trovare lavoro, ve la devo togliere, berlino ha un altissimo tasso di disoccupazione e non è facile entrare nel mondo del lavoro senza conoscere la lingua.

    Fatte queste premesse il resto è tutta una scoperta spesso molto piacevole per noi italiani...
    un saluto e in bocca al lupo

    RispondiElimina
  3. Se aspetto di imparare il tedesco per salire...ci salgo in carrozzella.
    Saliamo a Berlino ma la sussistenza arriva dalla rete, quindi delocalizzata.
    Del resto se a Berlino ci fosse lavoro, soldi e l'inglese allora saremmo a Londra dove c'è business, la gente si scanna per 20mq e lavori 20 ore al giorno... sai che allegria. No no...Berlino funziona perchè i ritmi sono bassi, quindi umani.

    RispondiElimina
  4. si ma il tedesco cominciate ad impararlo...soprattutto se avete un bambino piccolo. Qui la burocrazia e tanta e nessuno parla inglese...sono contenta per te che la sussistenza arrivi dalla rete...abbracci, vi aspettiamo

    RispondiElimina
  5. Complimenti per la fantastica idea

    RispondiElimina
  6. Vedo che le mete possono essere le più disparate ma le motivazioni le stesse.
    Noi siamo a Bruxelles da 1 anno.
    Arrivati con Viola di 2 anni e mezzo e zeno in pancia e...un po' faticosamete ora si sta benone.
    Certo mancano gli amici, le verdure ma non il clima, a Milano il grigio regna sovrano...
    Bruxelles è, come credo Berlino, a misura di bimbi e la vita è meno isterica e frenetica..l'Italia resta per le vacanze!

    RispondiElimina
  7. Eccomi qui con le lacrime agli occhi..la prossima estate verremo a Berlino, con Mattia che ha ora quasi due anni...come dici tu, le nostre scelte cambieranno il destino dei nostri figli..e questo mi inquieta ogni tanto perchè ovviamente noi pensiamo di fare tutto il bene per lui..
    La pensiamo allo stesso modo, non vogliamo far crescere Mattia qui in Italia.. io sto per cominciare un corso di tedesco..aiuto. :)
    Spero poi di incontrarvi per una merenda insieme!!
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alice quando arrivate? buona pasqua!

      Elimina
    2. uh! la prima risposta dopo 4 mesi! la seconda dopo un anno e un giorno!
      Beh, ma l'importante e che ci siamo...a Berlino! noi qui da un mese e mezzo! c'è qualcunoooooo????

      Elimina
    3. Per farti degli amici ti consiglio il gruppo.fb bambini a.berlino. ciao

      Elimina
    4. Leggo ora il tuo Blog , anche io mia moglie e i miei due figli ( 6 e 8 anni), abbiamo in progetto di trasferirci entro un anno a berlino, noi qui in italia abbiamo due asili nido e ci piacerebbe portare il nostro progetto educativo proprio li da voi, sarò a li a Novembre per raccogliere tutte le informazioni possibili.
      sto studiando il tedesco (con molta fatica), condivido pienamente le motivazioniche ti hanno spinto a partire, anche noi abbiamo deciso di togliere i nostri figli da qui per regalargli un futuro, ci spaventa l'idea di sradicarli dai loro amici dai nonni dalla scuola, ma sicuramente qui da noi è veramente finita.... spero tu possa consigliarci...grazie

      Adriano

      Elimina