sabato 28 dicembre 2013

PETER PAN, l'eterno bambino del Berliner Ensemble


“quando si è bambino, prima di  avere  la capacità di parlare, si è senz'altro in grado di capire la lingua delle galline e delle anatre, dei cani e dei gatti. il loro linguaggio  è comprensibile quanto quello di mamma e papà. il nonno si trasforma in un cavallo, con le gambe lunghe e la coda e il suo bastone nitrisce …crescendo, perdiamo questa capacità, ma esistono delle persone  ce l'hanno per più tempo di altri,  queste persone li chiamiamo degli eterni bambini.”  Hans Christian Andersen

Se volete fare un regalo grandioso ai vostri bambini al ritorno dalle feste, e di sicuro anche a voi, non perdetevi le repliche di “Peter Pan”, spettacolo teatrale messo in scena dal Berliner Ensemble, la compagnia teatrale del celebre teatro berlinese nato con Bertold Brecht, con la regia di Robert Wilson e le musiche delle CocoRosie.
Ho avuto la fortuna di vedere l’ultima replica autunnale dello spettacolo: dall’inizio alla fine sono stata “rapita” da questo mondo fantastico reso perfettamente dalla regia di Wilson, fiabesca, simbolica ed originalissima, e dagli attori eccezionali. Ma la caratteristica principale di questo lavoro è il grande utilizzo dei suoni e delle musiche che hanno catturato l’attenzione ed hanno entusiasmato me e soprattutto i piccoli spettatori che mi erano accanto.



Dall’inizio non c’è sipario, ma sul palco è già presente la prima protagonista della favola: l’ombra perduta di Peter! Wilson, in maniera mirabile, fa in modo che tutti i personaggi della storia vengano visti insieme e presentati nel prologo, in maniera assolutamente originale e caratteristica: abbiamo la famiglia Darling, con Nana sotto le sembianze di tre simpaticissime “cameriere” che ovviamente non parlano ma abbaiano, Michael, John e Wendy, l’altra protagonista, resa da Wilson moltò più reale rispetto alla conosciutissima favola Disney, più simpatica, capricciosa e vivace, i bambini bambini sperduti, amici fidati di Peter, tutti rossi ma ognuno con una propria caratteristica, Spugna e i Pirati, grigi e neri, anche loro reinterpretati magnificamente; Peter Pan, furbetto glitterato, un moderno bambinone, Capitan Uncino, l’adulto cattivo qui reinterpretato però in chiave languida e ambigua, ed infine Campanellino, o anche Trilly, la vera protagonista della favola e anche dello spettacolo di Wilson, la mediatrice, la piccola e buffissima e preziosa amica di Peter, la parte di noi che malgrado adori il nostro lato bambino, capisce quanto sia importante crescere.

Peter Pan è anche la favola del legame: Peter Pann ed i bambini sperduti non sanno cosa sia una mamma, non hanno mai provato cosa significhi ascoltare una ninna nanna ed essere coccolati tra due braccia sicure....sarà Wandy a fargli scoprire che il legame con i genitori e con il mondo degli adulti  è quanto di più importante possa esserci per imparare a diventare grandi.

Ogni scena ed ogni personaggio, sono caratterizzati da una tipologia di suoni e di stili musicali: le CocoRosie e Wilson insieme hanno perfettamente re-inventato gli umori, le emozioni, e le diverse personalità messe in scena. Così Trilli, interpretata magnificamente da un attore, apre la scena con “Dark Angle Song”, un pezzo vocalmente difficile, lirico, che mette subito in chiaro la personalità della piccola fatina. Anche Wendy viene presentata con il suo primo brano “Here I am”, “...Here I am, shadow of my mother...”, che canta nella sua cameretta, dopo una esilarante scena con le tre “Nana” fatta tutta  di suoni e movimenti, e Peter entra nella stanza rispondendo con il brano “I lost my Shadow” ed è il primo incontro tra i due che duettano splendidamente  in un’atmosfera incantata. Così Peter li guida verso l’isola che non c’è e Wilson trova il modo di farli volare su delle nuvolone bianche, spinte lentissimamente.


La favola continua nella seconda scena: i Bambini Sperduti si lanciano in un brano dal ritmo funk “We’re the lost boy”, saltellando con le loro acconciature rosse, chi alto e snello, chi basso e rotondetto, chi piccolo e furbo....uno spettacolo da vedere! Un’altro pezzo stupendo della piccola fatina Trilli è “Showed You how to fly”: la scena improvvisamente cambia e ci ritroviamo davanti agli occhi una enorme lampadina con la piccola fatina al suo interno! La luce, la vita, l’energia vitale!

La terza scena di apre con un brano hip hop cantato dalla tribù degli indiani ed è stata per me la parte più esilarante della serata, “Hande in die luft”.



La scena fantastica continua con l’ingresso delle sirene, con le loro lunghe code squamose e i lunghi capelli, appollaiate sugli scogli: i suoni qui fanno da padroni perchè ricreano un’atmosfera da grotta incantata.....le sirene cantano e vocalizzano strani suoni.....Uncino intona qui un canto che caratterizza la sua natura di “cattivo della storia” , “Tip Toe” insieme ai suoi due scagnozzi  pirati. La quarta scena si apre con il brano “Yo Mama”, sempre molto funky e ritmicamente coinvolgente, cantato da Wandy e i bambini perduti, che ballano sulla scena e si muovono in tutto lo spazio. Intanto la scenografia ci ha traghettati dalla grotta delle sirene nella tana di Peter, intorno ad una grande tavolata! Qui Wandy, ora più dolce che capricciosa, canta la fantastica “One by One”, la ninnananna che fà comprendere ai bimbi perduti cosa possano essere le coccole di una mamma.....

Intanto Uncino trama vendetta nei confronti di Peter e in un momento di intimità intona la languida “I’ll Make him into a man”.
La scena finale, prima del rientro a casa, è ovviamente ambientata sulla barca dei pirati ed è anche questa divertentissima, con la partecipazione del Coccodrillo, che se la ride!

Infatti i piarati, uno ad uno si buttano in mare, grazie allo stratagemma di Peter che, con l’aiuto dei suoni e delle eco,  imita la voce del capitano!

L’ultima scena si apre con uno stupendo blues cantatato da Mr. Darling, “Father’s blues song”, che si dispera per la scomparsa dei suo piccoli...quando finalmente dalla finestra irrompono Wandy e gli altri bambini, seguiti da Peter. La scena si conclude con uno splendido duetto “The goodbye” e l’epilogo, una specie di morale cantata da tutti i personaggi, “To die would be an awfully great adventure”.
I suoni e la musica fanno da padroni in questo spettacolo, pensato per i più piccoli ma grandioso anche per gli adulti (il teatro era pieno anche di “teste bianche”!). Una specie di musical...in reltà molto di più, messo in scena magistralmente da uno dei più grandi registi teatrali e da una compagnia che ha fatto storia, vi lascio immaginare! Durante l’intervallo ho avuto modo di avvicinarmi e parlare con i musicisti: i timbri utilizzati vanno dalla tastiera, alle percussioni di ogni genere, all’arpa, all’organo, al sintetizzatore, al violino, clarinetto, trombone...insomma, una ricchissima gamma di suoni per accompagnare e definire alla perfezione personaggi e scene. Potete vedere qui qalche foto scattata sotto al palco.





Non perdetelo assolutamente: 7-8-27-28 gennaio 2014. 
Qui trovate  orari ed info: http://www.berliner-ensemble.de/index
Cosigliato per bimbi da 4 anni e per adulti di tutte le età!

lunedì 28 ottobre 2013

NASCERE E CRESCERE IN MUSICA........A BERLINO!



 “La musica non è un privilegio e non è irragiungibile. La musica si impara vivendola, attraverso il gioco, il movimento, il corpo, il canto, il silenzio”
 
Quando parliamo di musica parliamo di suoni, di cose tangibili, vibrazioni, di strumenti, oggetti sonori...ma ci riferiamo anche a tutto ciò che è “invisibile”: emozioni, stati d’animo, fantasia, immaginazione. Dal ritmo dei primi battiti del cuore fino ad una monumentale opera di Wagner, i suoni fanno inesorabilmente parte delle nostre piccole e grandi cose! Ci sguazziamo nei suoni, li usiamo per dire “mamma...ho fame!” o salutare un caro amico, ce ne cibiamo, li mescoliamo,li annusiamo, elaboriamo, li impiastricciamo anche...insomma...non possiamo farne a meno! I bambini sono dei maestri in questo...siamo noi grandi, a volte, a perdere l’aspetto ludico e comunicativo di cui la musica è intrisa. Strimpellare un pò di pentole a casa, inventare filastrocche a ritmo con il frullatore, trovare dei momenti per cantare o suonare per loro, con loro...non vi è mai capitato di farlo con i vostri bambini? A me sì - con quelli degli altri perchè non sono ancora una mamma- ma è certamente uno dei modi per comprendere meglio la loro dimensione e recuperare un pò della nostra giocosità. Cito una frase di L.H.Stewart “Veramente beato quel bambino che ha una madre (e un padre) giocosa e curiosa!” Ognuno di noi nasce con un fantastico strumentario a disposizione per utilizzare al meglio i suoni come mezzi di comunicazione: questo a prescindere dal diventare dei bravissimi strumentisti, cantanti o direttori d’orchestra...coltivare la musica dovrebbe essere innanzitutto questo: avere la possibilità di utilizzarla per comunicare, per divertirsi e per conoscere. In realtà si tratta di CONTINUARE a farlo, perchè i bambini piccoli lo fanno dal primo momento di vita: provate ad ascoltare una mamma o un papà con il suo piccolo che parla il “mammese” (baby-talk)...non ci sono significati, parole, ma suoni e ritmi che comunicano qualcosa. Baby talk

Recuperare questa dimensione con i nostri bimbi significa  innanzitutto stabilire un contatto che va oltre la parola, un dialogo profondo che passa attraverso i suoni, il corpo, gli sguardi, i silenzi. Significa anche stabilire una sicura e serena relazione su cui costruire le future relazioni e le nuove scoperte, di sè e del mondo.
Spilluccando in giro per web e riviste mi sono resa conto di quante possibilità offra Berlino per poter condividere e scoprire la musica con i propri bambini, da corsi specifici di propedeutica a spettacoli ed eventi! Eccone un assaggio:




- Juniorprogramme della Kozerthaus: 
dal 27/10 Entdeckungsreisen in die Welt der Musik, alle 11 e alle 15, un fantastico viaggio che unisce musica e movimento. Verranno percorse le tappe fondamentali delle tipiche musiche che accompagnano da sempre le danze. Per bambini da 6 anni.
7/11 Across the border mit dem JIB - The song world of Leonard Bernstein, alle 19. Un viaggio del Jazz in collaborazione con il Jazzinstitute di Berlino. Da non perdere!
9/11 Mittendrin , alle 11. Avete mai assistito ad una prova d’orchestra da vicino vicino vicino?!?! tanto da poter vedere le dita che si muovono e gli spartiti e sentirvi proprio...immersi?! No?!....e allora non potete perdervelo! Per famiglie.

- Statsoper: per tutto il mese di ottobre e novebre verranno replicate le due opere  per bambini “Cenerentola” di Ermanno Wolf-Ferrari e “...quello che non vedi” un opera tratta dai Children’s corner di C.Debussy
- Das Klingelden Museum: il 26/10 si terrà un workshop per bambini durante il quale si potranno provare ed ascoltare gli strumentia a fiato, percussioni, a corde, in legno. I piccoli gruppi sono a numero chiuso...affrettatevi a prenotare!
- Kammermusiksaal der Philharmonie:
il 2/11 , alle 15:30 e alle 16:30, Pierino e il Lupo di Prokofieff. Un classico da non perdere, con la presentazione degli strumenti e un bis a sorpresa....
il 30/11  Zwerg Nase, alle 15,30 e alle 16,30. Una lettura musicata della favola di Wilhelm Hauff con un’orchestra davvero speciale...

- Der Milchsalon - Moderne Kindermusik:
3/11 Die Mukkietiere Band, alle 15, un concerto che vedrà protagonisti gli animali, con i loro strumenti preferiti ed i loro generi preferiti!
17/11 Radau! alle 15, concerto che vedrà protagonista questa band dal gusto molto English insieme al pubblico. Per grandi e piccoli.



 


- Rudolf-Steiner-Haus:  27/10 Quadri di un’esposizione alle 15,30. La famosa opera di Musorgskij verrà “dipinta” sul momento dalla pittrice Malerin Susanne. Un esperienza plurisensoriale!

 


Per i più piccoli, 0-3 anni, dal mese di ottobre ogni sabato dalle 16,30 alle 15,30 alla Melograna http://www.lamelograna.de/index.php/it , sono iniziati i corsi di Pappa di Musica, un’attività made in itlay appena approdata a Berlino. L’attività è nata in Umbria dall’amicizia e collaborazione di Maria Letizia Massetti e Francesca Staibano, entrambe musiciste e musicoterapiste, appassionate di suoni, favole e pasticci. A Berlino è la Pappamaestra Maria Letizia con il Pappassistente Dominik Sell che tiene i laboratori, in italiano, tedesco e inglese. Per “pappa” s’intende proprio il nutrimento che deriva dall’attività musicale, nutrimento che rimane e che ci accompagna nella crescita...un nutrimento che non deve mancare mai. PERCHE’ SCEGLIERE QUESTO PERCORSO? per sviluppare l’apprendimento del linguaggio musicale, per utilizzare la musica come canale comunicativo ed espressivo, per contribuire allo sviluppo cognitivo, motorio ed emotivo, per abbattere le barriere linguistiche di etnie diverse, creare un ponte affettivo e ludico con le famiglie, riscoprire per gli adulti la dimensione del gioco e di distensione fondamentale nel dialogo affettivo con i propri bimbi. Ai bambini non viene chiesto di fare, ma di sentire e di essere:  avranno i loro tempi per assorbire, interagire e imitare. Tutto questo, sempre attraverso il gioco, mezzo di comunicazione privilegiato e naturale. Di fondamentale importanza è la presenza degli adulti  che partecipano attivamente agli incontri, nel rispetto dei tempi di ogni bambino.
l lavoro è suddiviso per fasce d’età: 0/12 mesi, 13/24 mesi, 25/36 mesi. Gli incontri hanno una durata di 35/45 min in base al gruppo. Per seguire l’attività, informazioni, bibliografia ed info visitate la pagina di Pappa di Musica su facebook https://www.facebook.com/PappaDiMusica
Per informazioni sull’attività  a Berlino potete scrivere a pappadimusica@gmail.com 


giovedì 5 settembre 2013

BAMBINI A BERLINO a Berlitalia // Programma


Ecco il programma dei laboratori che andremo a  svolgere in occasione della Fiera Berlitalia! In più altre attività e servizi tra cui il be2be con le baby-sitter. Vi aspettiamo!!!



lunedì 2 settembre 2013

BERLINER KINDERTHEATER



Il Berliner Kindertheater fa teatro per i più piccoli da circa 25 anni, eseguendo la sua attività in modo molto serio e professionale. I temi trattati sono infatti quelli legati alla letteratura per bambini.
In estate il teatro si trasferisce all'estrno dentro la Zitadelle di Spandau mentre in inverno lo potete trocare nella Fontane Haus In markischen Virtel.

Okerstr. 12 - 12049 Berlin - Neukolln
t. 62705926
www.berliner-kindertheater.de

LA BICICLETTA...vademecum per il ciclista appena arrivato

Chiunque ia Berlino si accorge tra le prime cose che la bicicletta é uno dei mezzi che possono essere usati per spostarsi nella cittá.
Alcuni la usano a volte, altri come me hanno solo quella e ormai fanno fatica a prendere anche la metropolitana.



Venendo dalle cittá italiane, la libertá che si puó vivere grazie alla bicicletta e´ incredibile...con la bici a berlino puoi arrivare sino ai laghi e poi se sei stanco al ritorno la carichi sulla metro e torni a casa.



Con la bici ti diverti, porti sul sediolino i tuoi bambini e se ti viene la voglia ti compri il carrellino da attaccare dietro e ti senti pieno di orgoglio di portare i tuoi nanetti comodamente seduti e protetti.

Con la bici puoi anche andare all´Ikea e comprarti il letto o la libreria se sei fornito di carrello porta pacchi. Il bello di Berlino infatti é che essendo quasi tutta pianeggiante ti permette di andare facilmente da un luogo alláltro e senza accorgertene di fare tanti Km. in una giornata.



La bicicletta ti introduce anche in un mondo di gadget e necesssitá. La catena, il campanello, le luci e poi appunto tutti i surrogati per il trasporto bambini o oggetti.

Quando si arriva dunque la bicicletta colpisce, anche perché a tutti capita agli inizi di camminare sulle piste ciclabili e di venire quasi investiti da ciclisti tedeschi che inveisocono senza che capiamo niente. Ma attenzione, parecchie sono le regole che devono essere seguite per non incorrere in multe salate.



1. Assicurarsi di avere le luci la notte e di portarle anche di giorno in tasca o nella borsa o attaccate alla bici
2. I bambini sia sulla bici che nei vari carrellini devono sempre avere il casco
3. Non passare con il rosso
4. Se si passa sui marciapiedi scendere dalla bici
5. In metropolitana e nella S-Bahn la bici deve pagare un biglietto
6. mai pedalare sulle strade se accanto avete una ciclabile
7. non chiacchierare con un amico in bicicletta che vi segue vicino su una ciclabile rischiate di essere investiti dai ciclisti che arrivano da dietro
8. Segnalare sempre le svolte, anche qui rischiate una multa se non lo fate
9. Mai parlare al cellulare, multa sicura

Tenete presente che le multe sono tutte molto care, a volte di piú di quelle per le macchine.
Buona pedalata!!!

venerdì 30 agosto 2013

RICETTINA PER IL FINE SETTIMANA

Sto scoprendo il mondo che mi dicono sia vegano, ovvero le ricette senza carne, pesce ecc.
Lo faccio per questioni personali, niente ideologia, e scopro che non mi dispiace.

Dunque allor, l´altro giorno mi sono buttata in questa nuova cucina, completamente autodidatta e auto sperimentale e ho cucinato i miei primi hamburger vegetariani nei miei primi 41 anni.



Spinta dalla voglia ho messo in un pentolone pieno di acqua lenticchie arancioni e rosse, semi di soia, uno spicchio d´aglio, porro e zenzero, quanto vi aggarda sentirli nel palato.
Una volta cotto il tutto, non eccessivamente cotto, ho scolato, ci ho inserito una mezza scorzetta di limone e poi frullato fino a farlo diventare una pasta densa, a cui poi ho aggiunto la farina di camut per farla diventare facile da maneggiare.



Con le mani ho quindi fatto degli hamburger, che ho poi messo in padella con un goccio di olio...una leccornia...

Tempo di esecuzione 40 min.

" Cari Mamme e Papà, siete alla ricerca di una baby-sitter?" / New Website


Cari Mamme e Papà, siete alla ricerca di una babysitter?
Noi di Bambini a Berlino stiamo organizzando un be2be in occasione della Fiera Berlitalia che si terrà a Potsdamer Platz nelle giornate del 7 e 8 settembre 2013. Non sempre è facile trovare un'altra persona adeguata alle esigenze del proprio figlio, disponibile e con esperienza, capace di lavorare con serietà e maturità, capace di relazionarsi con il mondo dei bambini e di instaurare un rapporto di fiducia con tutta la famiglia.

Vi proponiamo quindi di incontrare e conoscere di persona le nostre babysitter che saranno presso lo stand di Bambini a Berlino in Potzdamer Platz dalle 11 alle 13 e nel pomeriggio dalle 15 alle 17 nei due giorni di Berlitalia!

Vi aspettiamo!
Per ulteriori informazioni rivolgersi all'indirizzo email: bambiniaberlino@gmail.com
L'elenco completo delle nostre baby-sitter è sul nostro nuovo sito http://bambiniaberlino.wix.com/bambiniaberlino

giovedì 22 agosto 2013

Kids Parade Tempelhof, Berlin 2013


Venerdì 30 agosto a partire dalle ore 15 e nelle giornate successive di sabato 31 agosto e domenica 1 settembre 2013 a partire dalle ore 10 si svolgerà a Tempelhof  la Kids Parade, un evento rivolto a tutta la famiglia!


Con un colorato e vivace corteo avrà inizio la giornata del 31 agosto alle ore 10 del mattino: associazioni sportive, club per il tempo libero e molte altre organizzazioni parteciperanno all’evento per presentarsi e promuovere le loro iniziative. Vi saranno attività pratiche, emozionanti spettacoli teatrali, una tenda circo, acrobazie e altre esibizioni attraenti!  

La sfilata è dedicata ai bambini di tutte le nazioni e di tutte le età! 
Artisti, trampolieri, ballerini Bollywood, bande musicali, cheerleaders, Berliner Rittergilde e molti altri si stanno preparando per realizzare una Kids Parade memorabile!

La Kids Parade è rivolta ai bambini, agli adolescenti, ai giovani e ai genitori, come una grande festa di famiglia per identificare le opportunità significative per le attività ricreative! 


L’associazione non-profit propone attività per il tempo libero ai bambini e ai giovani per un futuro migliore! L’associazione è finanziata da donazioni e sponsorizzazioni.

Musica, spettacoli e tanto divertimento sono garantiti per tutta la famiglia!
Ingresso gratuito.



Per maggiori informazioni ecco il sito:  http://kids-parade.com/

martedì 20 agosto 2013

Lange Nacht der Museen, Berlin 2013


Quando? Il 31 Agosto 2013 dalle 18 alle 2 del mattino.
Quanto costa? 18 euro per gli adulti, 12 euro il ridotto. I bambini al di sotto dei 12 anni non pagano.


Gli anni passano, la Cultura no!
Tutto inizia nel febbraio 1997 col debutto della Lunga Notte dei Musei, edizione fin da subito molto apprezzata dai berlinesi e dai turisti. Un grande successo che di anno in anno si consolida, diventando così una vera e propria istituzione nella capitale tedesca. Berlino è una città viva che non dorme mai, sempre pronta a proporre interessanti eventi al fine di promuovere una cultura saldamente radicata nella tradizione.



Berlino si sta preparando all'evento del 31 agosto 2013 per offrire la possibilità di visitare molti musei con un solo biglietto e in una sola serata. In quest’occasione speciale oltre 100 musei, siti storici e enti culturali saranno visitabili dalle 18 alle 2 del mattino. Con un prezzo di poco superiore all'entrata in un singolo museo viene data l’opportunità di avere navette a disposizione per agevolare gli spostamenti, al fine di conoscere molti musei e poter così scegliere quale visitare con più calma nel periodo successivo. La serata sarà inoltre arricchita da concerti e pièce di teatro.


Il tema di quest’anno è “Junge Wilde und Alte Meister” e si rivolge ad un pubblico di grandi e piccini. In questa notte speciale sono molte le attività indirizzate ai bambini.


Vi consiglio di dare un’occhiata a siti web di questi musei che proporranno attività per i vostri bambini in questa notte speciale.

lunedì 19 agosto 2013

CARA BABY SITTER POSSO INCONTRARTI?

BERLITALIA 7-8 settembre POSTDAMER PLATZ

B TO BE ANCHE DETTO FACCIA A FACCIA CON I GENITORI

Cara/o baby-sitter,
Bambini a Berlino ha pensato di contattarti.
In occasione della Fiera Berlitalia del 7 e 8 settembre 2013, che si terrà qui a Berlino in Potsdamer Platz, abbiamo pensato di dedicare uno spazio riservato a te, cara/o baby-sitter, e all’incontro be to be con le famiglie. Credo che questa possa essere per te una bella opportunità per farti conoscere e per presentarti alle famiglie interessate e ai loro piccoli!

Ti chiediamo gentilmente di inviarci entro il 22 agosto 2013 un documento contenente nome, cognome, età, e-mail, quartiere di residenza e disponibilità (giorni e fascia oraria). Ti chiediamo inoltre di inviarci una tua foto seguita da una breve descrizione personale (max 1500 battute). Inserisci l´autorizzazione a pubblicarlo per favore. Sono bene accetti anche video messaggi postati da you toube.





Se sei una persona creativa e piena di iniziativa, dai libero sfogo alla tua fantasia e proponi liberamente le attività o i modi che maggiormente metterebbero in luce la tua personalità (attività da svolgere a Potsdamer Platz nei due giorni della Fiera Berlitalia).

Noi ricerchiamo persone responsabili, affidabili e con esperienza, capaci di lavorare con serietà e maturità, capaci di relazionarsi con il mondo dei bambini e di instaurare un rapporto di fiducia con tutta la famiglia. Con questo semplice be to be avrai la possibilità di farti conoscere e di avere un contatto diretto con le famiglie italiane residenti a Berlino che stanno cercando il tuo aiuto!

Ti aspettiamo

martedì 13 agosto 2013

Berlino ride ancora...


Come vi ho accennato in precedenza, dall'1 del corrente mese sta avendo luogo, in Alexanderplatz, la 6° edizione dell' "Internationales StraBentheater Festival", il festival internazionale del teatro di strada. 18 giorni da trascorrere in allegria grazie ai molteplici spettacoli proposti da questi fantastici artisti provenienti da varie parti del mondo, dai giocolieri ai trampolieri, dagli sputafuoco agli strampalati musicisti. Svariate sono poi le attività alle quali i bambini potranno dedicarsi con entusiasmo: giochi di vario genere tra cui saltare sui trampolini elastici o rotolare in piscina all'interno di enormi palloni di plastica ( credo che questi siano davvero molto divertenti e non vi nego che io per prima mi ci butterei  a capofitto! ). Il tutto ha vita, sino al 18.08, in una cornice di chioschetti che trasformano la piazza in un piccolo mercatino, nel quale troverete anche una chiromante ed un caricaturista! Se ancora no avete avuto modo di deliziarvi con questa manifestazione approfittatene di questi ultimi giorni! http://berlin-lacht.de/